parola ansia in inglese

Ansia

” Conoscerla a fondo e (ri)conoscerla quando si presenta è il primo passo verso il suo superamento

  • cos’è
  • possibili cause
  • sintomi
  • disturbi d’ansia
  • terapie comuni
  • terapie alternative

Cos’è

L’ansia fa parte della natura umana. È la normale risposta del nostro organismo che si prepara ad affrontare ciò che avverte come un pericolo.
Quando l’ansia è ad un livello tollerabile può risultare utile, perché ci mette in allerta di fronte a una situazione difficile permettendoci di reagire Tempestivamente, ma diventa un problema reale quando è ECCESSIVA rispetto alla situazione che ci troviamo a fronteggiare oppure dura troppo a lungo, al punto tale da rendere estremamente impegnative molte delle nostre normali attività quotidiane.

Possibili cause

Le cause dell ansia possono avere un infinità di sfaccettature,dalla genetica,al carattere,agli eventi molto stressanti fino ad un utilizzo esagerato o continuativo di sostanze stupefacenti.

E’ quindi molto importante, se si soffre di ansia, rivolgersi ad uno specialista che, sulla base delle informazioni che gli verranno date, potrà elaborare un percorso che possa portare il paziente a comprendere, accettare e lasciar andare l’ansia quando e se si ripresenta.

Sintomi

Sintomi cognitivi dell’ansia

Dal punto di vista cognitivo i sintomi tipici dell’ansia sono:

  • il senso di vuoto mentale
  • un senso crescente di allarme e di pericolo
  • l’induzione di immagini, ricordi e pensieri negativi
  • la messa in atto di  comportamenti protettivi cognitivi
  • la sensazione marcata di essere osservati e di essere al centro dell’attenzione altrui.

Sintomi comportamentali dell’ansia

Nella specie umana l’ansia si traduce in una tendenza immediata all’esplorazione dell’ambiente, nella ricerca di spiegazioni, rassicurazioni e vie di fuga. La strategia principale istintiva di gestione dell’ansia è inoltre l’evitamento della situazione temuta.

Sono frequenti inoltre comportamenti protettivi (farsi accompagnare, assumere ansiolitici al bisogno, ecc.) e di sottomissione.

Sintomi fisici dell’ansia

L’ansia è spesso accompagnata da manifestazioni fisiche e fisiologiche quali:

  • tensione
  • tremore
  • sudore
  • palpitazione
  • aumento della frequenza cardiaca
  • vertigini
  • nausea
  • formicolii alle estremità ed intorno alla bocca
  • derealizzazione e depersonalizzazione.

“Accettarla senza vergogna è il secondo passo verso il suo superamento”

Disturbi d’ansia

I disturbi d’ansia conosciuti e chiaramente diagnosticabili sono i seguenti:

Fobie specificheSono le più comuni e sono costituite da una costante, irrazionale manifestazione di paura rispetto a oggetti o situazioni particolari (ragni, insetti, serpenti, i luoghi chiusi e angusti ecc..). L’ansia si può presentare anche solo al pensiero di entrarvi in contatto
Fobie sociali L’ansia è suscitata dal timore di trovarsi in situazioni pubbliche o in cui si potrebbe essere esposti al giudizio delle persone
Disturbo d’ansia generalizzato (GAD)È caratterizzato da un costante, immotivato senso di preoccupazione nei confronti di qualsiasi evento
Disturbo ossessivo compulsivoÈ caratterizzato da idee fisse che continuano a ripresentarsi alla mente della persona, che a volte cerca di esorcizzarle attraverso “rituali”, come la ripetizione di determinati gesti, che prendono il nome di compulsioni
Attacchi di panico (DAP)Sono caratterizzati dall’improvviso verificarsi di un senso di grande terrore senza alcun motivo apparente, accompagnato da intensi sintomi psico-fisici

“Imparare ad osservarla per poi lasciarla scorrer via è il terzo ed ultimo passo del percorso di guarigione

Terapie comuni

Quando l’ansia diventa estrema e incontrollabile, sfociando in un disturbo d’ansia, occorre un intervento professionale che possa aiutare la persona a gestirne i sintomi.

specialista per la cura dell ansia
affidarsi ad uno specialista o ad un centro presente nella propria zona è un passo di grande importanza per la guarigione

Psicoterapia per l’ansia

La psicoterapia per i disturbi d’ansia è indubbiamente il trattamento principale. In particolar modo la terapia cognitivo-comportamentale ha mostrato tassi di efficacia elevatissimi e si è affermata nella comunità scientifica come la strategia di prima scelta nella cura dell’ansia e dei suoi disturbi.

Psicoterapia cognitivo-comportamentale

La psicoterapia cognitivo-comportamentale, come suggerisce il termine, combina due forme di terapia estremamente efficaci:

La terapia comportamentale: aiuta a modificare la relazione fra le situazioni che creano difficoltà e le abituali reazioni emotive e comportamentali che la persona ha in tali circostanze, mediante l’apprendimento di nuove modalità di reazione. Aiuta inoltre a rilassare mente e corpo, così da sentirsi meglio e poter riflettere e prendere decisioni in maniera più lucida.
La terapia cognitiva: aiuta ad individuare certi pensieri ricorrenti, certi schemi fissi di ragionamento e di interpretazione della realtà, che sono concomitanti alle forti e persistenti emozioni negative che vengono percepite come sintomi e ne sono la causa, a correggerli, ad arricchirli, ad integrarli con altri pensieri più oggettivi, o comunque più funzionali al benessere della persona.

Quando sono combinate nella psicoterapia cognitivo comportamentale, queste due forme di trattamento diventano un potente strumento per risolvere in tempi brevi forti disagi psicologici

Terapia farmacologica dell’ansia

I farmaci ansiolitici, come le benzodiazepine, sono largamente impiegate ma sono utili solo se utilizzate occasionalmente e per brevissimi periodi. In caso contrario presentano grossi problemi di assuefazione e astinenza che peggiorano la situazione anziché migliorarla.

Anche i farmaci antidepressivi vengono prescritti facilmente con funzione ansiolitica nel trattamento dei disturbi d’ansia. Essi hanno una certa efficacia, anche se non sono privi di effetti collaterali (sonnolenza, disfunzioni sessuali, problemi gastrointestinali, aumento di peso, ecc.),ma in alcuni casi sono assolutamente necessari.

Terapie alternative

L’ansia, soprattutto quando NON raggiunge livelli estremi tipici di un vero e proprio disturbo d’ansia, può essere gestita con tecniche di rilassamento, strategie di meditazione e integratori naturali o altri prodotti erboristici calmanti. Questi rimedi per l’ansia possono essere d’aiuto nelle forme lievi e moderate.

prodotti erboristici calmanti
in erboristeria si trovano numerosi prodotti naturali con lo scopo preciso di abbassare i livelli di stress e di ansia
sedute di meditazione e rilassamento per ansia
molto efficaci sono le sedute di yoga o meditazione, da poter praticare da soli o nei centri specializzati presenti ormai ovunque