visione distorta della realtà e soggettività

visione distorta della realtà
L’ identità virtuale è un esempio lampante di distorsione , o meglio, si è sé stessi ma si può anche fingere di esserlo. Un po’ come nella vita concreta, però più facilmente.

Il concetto di realtà

Ci si potrebbe scrivere un trattato di 2000 pagine sulla realtà, ma per ovvi motivi, cerco di sintetizzarlo a mio modo.

La percezione della realtà, è un sottile e complicato equilibrio tra i vari aspetti psicologici dell’ individuo:

  • Se si è depressi, ogni attività, persona, idea, cosa, viene vista solo ponendo attenzione agli aspetti negativi e pessimistici
  • Se si è euforici, ovviamente è il contrario
  • Se si è in stato di ansia, tutto viene visto come una minaccia
  • Se si è calmi, tutto viene visto per come è realmente
  • Se si fa uso di stupefacenti e alcool, si spera che non serva che io dica nulla.

azioni di consapevolezza

Le chiavi della corretta interpretazione della realtà sono la calma la concentrazione e la consapevolezza. Tali caratteristiche, se non si hanno a sufficienza, possono essere acquisite con specifici allenamenti:

  • Sport in generale, ma più precisamente sport in cui si deve mirare un bersaglio o sport di combattimento.
  • Meditazione
  • Posizioni yoga
  • Libri su argomenti poco chiari
  • Esercizi come il problem solving

La realtà si vede così come è grazie al raziocinio

come interpretare la realtà

Come già detto, è questione di equilibrio, ma alla fine, la realtà è soggettiva, per cui un concetto di realtà puramente oggettiva, non esiste e non può esistere ai nostri occhi, nemmeno dopo secoli di filosofia, scienza ecc.., ma può essere migliorata.

Questo è il limite di ogni essere umano, per cui vale sempre la regola: ACCETTA LA TUA NATURA, se non ti crea e non crea problemi agli altri, sennò AGGIUSTALA, nei limiti del possibile, senza mai strafare ma con il giusto impegno e la dovuta pazienza.

La responsabilità della famiglia

Questo è solo un piccolo esempio, innocente e fatto con una buona intenzione, ma è errato a livello psicologico:

Un padre vede la propria figlia allontanarsi da lui (i bambini sono curiosissimi).Per educarla le dice che se si allontana verrà l’ uomo nero a catturarla.

Quanti si rispecchiano in questo insegnamento!!

L’ intenzione è amorevole, ma sarebbe stato meglio dire: Stai vicino a papà e qualsiasi cosa vuoi fare, prima chiedilo a me.

Ripeto, è solo un esempio, ma analizzandolo:

Dire alla propria bambina che la rapirà l’ uomo nero, potrebbe provocare in lei paura dei neri, e comunque del diverso.

La seconda opzione invece, porterà la bambina a chiedere consulti ad una figura importante come è quella del padre, che grazie al bene che le vuole, la potrà indirizzare meglio nelle scelte future.

concetto personale di educazione

Lo scopo di questo esempio è consigliare i propri cari con consigli amorevoli, INCUTERE PAURA O SENSO DI COLPA, REPRIME LA LIBERA ESPRESSIONE DELLE PERSONE. NON EDUCA, ANZI, STIMOLA LA TRASGRESSIONE, soprattutto negli adolescenti.

IL RICATTO E L’ INDUZIONE DEL SENSO DI COLPA SONO RIMEDI IN CASI ESTREMI.

FARE IL GENITORE E IL MESTIERE PIU DIFFICILE AL MONDO, E NESSUNO LO SA FARE ALLA PERFEZIONE, NEMMENO UNO SCIENZIATO O UNO PSICHIATRA.

L’ unica cosa, è farlo con immenso amore e SOLO per il bene del/dei propri figli (fino ad una certa età, poi si gli si deve far fare esperienza da soli, per poter comprendere il mondo e sé stessi).

Il genitore è solo una GUIDA. I figli NON SONO oggetti di proprietà, checchè se ne dica.

Libri consigliati per poter capire meglio il concetto di realtà e sua interpretazione (amazon)

articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *